Seguici su:

Famila Fans Club / Notizie  / Chapeau per questo EuroFamila!

Chapeau per questo EuroFamila!

La partita vinta dalle nostre fantastiche orange a Bourges è terminata da pochissimo e sento ancora l’adrenalina che scorre dappertutto! In francese si dice chapeau! (Tanto di cappello!) Faccio fatica a trovare gli aggettivi positivi per tutta la squadra che è stata davvero fenomenale stasera. I miei commenti “a caldo” qui di seguito si basano su ciò che ho potuto seguire sull’aggiornamento (Key Facts + Play by Play) del sito di Fiba Europe.

{62E49406-F3C0-416E-986E-89B9E322BB24}flexibleLa partita è stata giocata punto a punto fino a metà del terzo quarto con Schio spesso leggermente avanti (importante psicologicamente). A metà del terzo quarto il Famila Beretta dà lo strappo (sembrava) decisivo e va in fuga sino al massimo vantaggio della gara (+13), anche se poi Bourges inizia la rincorsa e accorcia un po’ le distanze portandosi sul -8 a fine 3° quarto. Nel quarto finale Bourges continua nella rincorsa iniziata alla fine del quarto precedente e con una partenza a razzo quasi riagguanta il pareggio (-2) a 8’ dalla fine, un’eternità! Ma le nostre campionesse non ci stanno, e così com’è avvenuto domenica scorsa a Lucca, nei momenti decisivi tirano fuori cuore, orgoglio e classe, ridando un altro spintone alle avversarie e facendole ruzzolare giù a -12 a 3:28 dalla fine. Nel finale le transalpine provano il recupero disperato, ma le orange restano concentrate, stringono i denti e tengono ad almeno due possessi di distanza le avversarie fino al 55-61 finale per il Famila Beretta….che vittoria, grazie ragazze!

E pensare che il risultato sembrava  scontato, in seguito alle assenze importanti di Giò e del centro/pivot titolare ancora vacante, senza dimenticare le condizioni precarie del ginocchio destro di Jo e la scarsa autonomia  di Sprea,  ma anche per il valore (sempre sulla carta) delle avversarie che in casa sono sempre fortissime. Nel Bourges, semifinalista alle scorse Final 8 (!), gioca una certa Dumerc, la play-maker europea più famosa e MVP della stagione 2012, nel Bourges gioca mezza nazionale francese fresca vice-campione d’Europa appena alle spalle della Spagna e poi aggiungiamo gente come Joens, Tolo e Leedham, tutte di alto livello. Ed è proprio per questo che la vittoria di stasera di Schio è più che speciale. Nonostante si giocasse fuori casa, contro tali campionesse e con un roster rimaneggiato, ecco che chi è sceso in campo, a poche ore dalla battaglia di Lucca, deve aver dato l’anima per iniziare col botto questa Eurolega. Squadra e società fino a ieri non si erano nascosti, affermando di voler dare il massimo in questa stagione proprio nella competizione europea più importante per le squadre di club. L’allenatore giusto è stato acquistato, le giocatrici sanno essere all’altezza e se il buongiorno si vede dal mattino, ci sono le premesse per gioire e divertirsi in questa stagione di Eurolega.

2013_11_06_EL_Schio_025Dai “freddi” tabellini leggo che viene confermato il deficit delle rotazioni con 4 giocatrici (Kata, Mascia, Elò e Chicca) che hanno giocato per ben oltre 33’, Ress 25’ e Jenifer unica a disputare i quasi normali 20’. Quanto al rendimento, sembra che come domenica scorsa, il duo Elò (la vendetta dell’ex!) e super Chicca abbiano fatto la differenza (soprattutto in attacco 20p e 18p rispettivamente), vedo bene la valutazione di Kata, segno che nei ben 37’ che ha giocato ha fatto girare bene la squadra, non a caso era nel super Valencia che ha stravinto l’Eurolega un paio di edizioni fa. Molto bene anche capitan Mascia e sono contento per Ress che ha risposto sul campo alle perplessità delle prime uscite stagionali in Italia. Vuoi vedere che una dalle sue dimensioni e movimenti soffre gli arbitraggi in Italia? All’Europeo lo scorso giugno in nazionale ha fatto molto bene e stasera ha chiuso con una valutazione simile a quella di Chicca, segnando anche una tripla…sta imparando dal fratellone? Anderson, credo che per motivi fisici e per la presunta elevata intensità/velocità del gioco sia scesa in campo pochino, mentre sono molto contento per l’esordio della giovane Erica che a 19 anni può già raccontare di essere stata parte attiva (più di 3’ effettivi in campo non sono una semplice apparizione) di questa fantastica impresa orange a domicilio del favorito Bourges.

Bravissime ragazze, bravi gli allenatori e brava la società a credere nel progetto Mendez. Tutti voi ci fate davvero essere orgogliosi di essere fans di una grande squadra e di un meraviglioso gruppo!

Forza Famila!

You’ll never walk alone!

Nico da Magrè

La sintesi

 

The following two tabs change content below.

3 Comments

  • Woodard
    7 Novembre 2013 11:52

    e se…no dico, sarebbe bello che…insomma mi pare che una certa Erika De Souza non sia ancora accasata…quindi, se effettivamente fosse libera…ma la butto lì, si fa per dire eh,è solo un’idea…però visto che l’annata promette bene, questa volta potrebbe valere la pena di osare un po’ più del solito…anche fosse solo per l’eurolega…
    Comunque, bell’articolo Nico, my compliments

      • Woodard
        7 Novembre 2013 15:25

        Sì concordo, anche Brunson rappresenterebbe davvero un colpaccio. Le preferirei comunque De Souza perchè più nel ruolo e meno individualista.
        Invece Matic non è Matovic.
        Fortunatamente il calendario di eurolega ci consente di temporeggiare un po’ favorendo scelte non affrettate. Quindi…godiamoci l’attesa!

Leave a comment

Su questo sito facciamo uso di cookies. Abilitandoli ci aiuterai a offrirti una migliore esperienza di navigazione sul nostro sito! Cookie Policy